ALESSANDRA MIMMA

24/10/2017
ALESSANDRA MIMMA

 

 Cromie in evoluzione - cm. 70 x 100 - Acrilico su cartoncino - 2009
Cromie in evoluzione cm 100×70
acrilico/cartoncino  2009 

 MIMMA ALESSANDRA

PITTRICE

 

 

 

 

 Vortici - cm. 50 x 70 - Olio su tela - 2007
Vortici cm 70×50 olio su tela 2007

 

 

L’espressività pittorica, nella ricerca di Mimma Alessandra, è da considerarsi del tutto autonoma rispetto alle correnti storiche dell’informale europeo, a cui per altro può  essere accostata. In questa artista, l’espressività dei segni e dei colori poggia sulla sua capacità di conferire movimento a situazioni visive del tutto inedite. Mimma Alessandra si confronta con un caos non casuale o con griglie organizzate in geometrie fantasmagoriche, con una concretezza esecutiva che la porta a un colto espressionismo astratto, libero da qualsiasi allusività figurale. Autrice di messaggi enigmatici, crea vortici e scansioni otticamente mutevoli, dove il pigmento ruota attorno a un centro focale, o si dirama in un moto centrifugo, tendendo idealmente a esondare oltre i limiti del supporto. Grazie a un uso talentuoso dei toni e dei contro toni, questi macrocosmi si risolvono in sinfonie cromatiche, dove la calibrata messa a  punto del colore concilia l’emozione inferiore con il controllo del gesto pittorico. La  pittura di Mimma Alessandra si realizza in modo attivo con l’irrealtà del costrutto, con  il proporsi, da una parte, come una ricerca informale che tende chiaramente a un  messaggio di ordine spirituale, mentre dall’altra, si collega alla concretezza del pigmento; da qui la titolazione dei suoi quadri, che solo in minima parte rivela le motivazioni di una ricerca imperniata sui valori cromatici e sulla loro pregnanza simbolica, lasciando che sia la sensibilità dell’osservatore a interrogarsi su una possibile lettura interpretativa. La forza comunicativa della materia, con cui magicamente si esprime, è l’aspetto determinante delle sue modalità sperimentali.
Mimma Alessandra, infatti, in ogni pagina pittorica evoca l’intenzione di approfondire  la sua curiosità nei confronti dell’inconoscibile.
(Paolo Levi)

Mimma ALESSANDRA nasce a Biancavilla (CT) nel 1940 e diplomata all’Istituto Statale d’Arte di Catania, appena ventenne, ottiene la docenza di discipline artistiche. La sua lunga carriera pittorica inizia con la prima mostra personale a Catania nel 1965 e prosegue, in Italia e all’estero, con oltre 80 tra mostre e concorsi, ottenendo anche numerosi primi premi e riconoscimenti. Ha partecipato a prestigiose biennali: Venezia (presso il padiglione del Guatemala, direttore Daniele Radini Tedeschi) e Firenze (nella sede di Fortezza da Basso), Verona e Palermo (presentate entrambe da Vittorio Sgarbi). Ha preso parte anche alla Triennale di Roma 2014 (presso il Chiostro del Bramante, presentata da Philippe Daverio) e a quella del 2017 (presso il Vittoriano – Altare della Patria, presentata da Achille Bonito Oliva). In musei, collezioni private e mostre permanenti (in Italia e all’estero) figurano  numerosi suoi lavori. Hanno parlato di lei siti internet, riviste d’arte e varie emittenti  televisive nazionali.
Socio dell’A.I.A.M. (Accademia Internazionale d’Arte Moderna) Istituto Superiore di Cultura (Roma), figura in “Val Arte” (Bollettino Ufficiale della Borsa Valori delle opere d’Arte), fa parte dell’Albo Europeo degli Artisti ed è annoverata, da diversi anni, tra gli artisti TOP di ORLER.
Fa parte del movimento “Estetica paradisiaca”, teorizzato da Daniele Radini Tedeschi. E’ stata inserita nel Catalogo dell’Arte Moderna n.51 (Editoriale Giorgio Mondadori), in vari archivi bibliografici, tra cui quello del Quadrato (Milano) e nell’Atlante dell’Arte Contemporanea De Agostini.

Mimma Alessandra  Studio e abitazione: Via Fallica, 14 – 95033 Biancavilla (CT)  Tel. 095-686.827 Fax 095-224.311.89 Cell. 347-60.48.052

Sito Internet: www.mimmaalessandra.it E-Mail: info@mimmaalessandra.it  Facebook e YouTube: Mimma Alessandra Arte