L’EFFETTISMO

08/10/2017
L’EFFETTISMO

CORRENTE PITTORICA

L’EFFETTISMO

Corrente pittorica contemporanea fondata dal Maestro Franco Fragale. Il  movimento aborre il plagio, l’uso del computer, la carenza di originalità,

l’utilizzo di strumenti tecnologici per la composizione dell’opera pittorica. Propugna l’innovazione nel solco della tradizione, partendo dal rispetto dei

dei crismi della tecnica classica. Include il figurativo, l’astratto, la street art quando il pittore riesce a creare con l’osservatore un rapporto ematico di

effetto di intimo stupore. L’originalità nella scelta del soggetto o l’innovativita’ nella tecnica rende il pittore un effettista. Hanno aderito al

movimento pittorico decine di artisti, tra i quali Il Maestro Alberto Vespaziani, Caposcuola, Gene Pompa, Oscar Tirelli, Antonio Alberti, Elisa Camilli,

Salvatore Nota, Luigi Salvatori, Walter Iagnocco, Giuseppe Marchetta, Claudio Morleni, Paolo Veneziani, Laura Anetrini, Mariagrazia Benvenuti,

Alessandro Trani, Luca Abbatelli,, Patrizio De Magistris, Francesca Romana Fragale e molti altri. Il manifesto può ancora essere firmato. Tiene le fila del

movimento la figlia e allieva Francesca.

Il Fondatore ha abbracciato le teorie di Jean Pierre Changeux, professore di neuroscienze al Pasteur di Parigi che ha analizzato il rapporto tra arte e

cervello umano. Dice il Fragale in una sua intervista:” Il quadro deve colpire entrambi gli emisferi del cervello umano (ragione e emozione) per essere

un’opera d’arte. Caracci e Pollock ad esempio sono effettisti”.

La corrente è stata lanciata per la prima volta nei libri di pittura pubblicati dal Fragale.