MUNTEAN KLAUDIA

23/03/2021

Educatore Culturale, appassionata d’arte, letteratura e psicologia transpersonale. Creatrice del primo gioco rumeno d’arte (Collezionisti d’Arte) e del primo gioco letterario (Collezionisti di Lettere Rare, dedicato a Mihai EMINESCU). Ha realizzato anche un un progetto dedicato a Leonardo da Vinci (un materiale educativo sulla Rinascita Italiana, non ancora pubblicato).

Studi: 2011/2014 – Università di Bucarest/Facoltà di Psicologia e Scienze dell’Educazione; 1999/2003 – Facoltà di Scienze Politiche presso la «Scuola Nazionale di ‘Studi Politici e Amministrativi» Bucarest (Indirizzo Politologia).

Debutto letterario: Prosa (volume)- «Il sogno di Akshara», Casa editrice AIDA, Cluj, 2013;

Poesia – Rivista «Transilvania letteraria», N. 1-2, 2014 (il poema «Il mistero dell’Albero Immortale»).

Volume (letteratura per bambini e ragazzi): «Il sogno di Akshara» (Casa editrice AIDA/ Cluj, 2013); «Azarys e il Regno degli Scorpioni di Fuoco» (Casa editrice DESTINE/Bucarest, 2016); «La Pietra del Sole» (Casa editrice LIBRIS Editoriale/ Brasov, 2019); «Aysun, la Principessa-Fior di Loto» – in corso di preparazione (2021).

Coordinatore antologie: Ideatori di Fiabe» (2015), «Sincretismo delle Arti» (2016), «Lettere a EMINESCU» (2018).

Pubblicazioni su riviste letterarie e culturali:

Rivista «Transilvania letteraria», Rivista «Tribuna», Rivista «Basarabia Letteraria», Rivista «Il Convivio» (Italia), Rivista Interculturale Bilingue «Orizzonti Cutlurali Italo-Romeni», Rivista Culturale «Destini», Rivista di cultura poetica «Poesia», Rivista di Creazione e Cultura «Bogdania» ecc.

Pubblicazioni in antologie: «Antologia della Poesia Contemporanea», Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea di Roma (online)/2016, 2018, 2019; «Voci dai Murazzi», Genesi Editrice, Torino, 2019; «Il Convivio, Antologia dei Premi Poesia, Prosa e Arti Figurative», Accademia Internazionale Convivio, Italia/2017; «Naji Naaman’s Literary Prizes», Beirut, 2017; «Le fiabe della Casupola» / Concorso Nazionale di Creazione Letteraria Ion Creangà – Fiabe, Casa editrice Musei Letterari / Iasi, 2016 & 2017 ecc.

PREMI/DISTINZIONI

3° Premio Assoluto — Premio Letterario Città di Siena, Quarta Edizione, Italia, 2ol9; 4° Premio Assoluto, Sezione Poesia Inedita – Trofeo Internazionale MEDUSA AUREA 42a Edizione/Accademia Internazionale d’Arte Moderna, Roma/2019; Premio Speciale della Giuria, Sezione Poesia – Premio Letterario Città di Latina, 2019; Riconoscimento al Merito in Poesia, Premio Accademico Internazionale di Poesia e Arte Contemporanea «Apollo dionisiaco», Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporane/Roma, 2ol9; Medaglia d’Argento – «Collezionisti d’Arte» – Mostra Europea della Creatività e Innovazione “Eurolnvent», Decima Edizione, [asi, 2018; Premio di Eccellenza – «Collezionisti di Lettere Rare», Mostra Europea della Creatività & Innovazione «Eurolnvent», Decima Edizione, 1asi, 2o18; Premio Speciale per la Creatività, Naji Naaman Literary Prizes 2017, Sezione Poesia e il Titolo di Membro d’Onore della Fondazione libanese «Maison Naaman pour la Culture»/Beirut, 20l7; Premio del Museo «Ion Creangà» – Concorso Nazionale Ion Creangà di Creazione Letteraria-Fiabe, XXVa Edizione, organizzato dal Museo Nazionale della Letteratura Romena di Iasi, 2o17; Diploma d’Onore, Sezione Poesia-Premio Internazionale Michelangelo Buonarroti/ Associazione Culturale «Arte per Amore»/Italia, 2o 16; Premio Speciale «Targa d’Onore» – Sezione Poesia — Premio Poesia, Prosa e Arti figurative 2016/ Accademia Internazionale Il Convivio, Italia, 2ol6; Premio per la Promozione del Patrimonio della Romania – Premi della Fondazione Culturale della Bucovina (XX:lla Edizione /2o16); Premio della Rivista «Dacia Letteraria»- Concorso Nazionale Ion Creangà di Creazione Letteraria – Fiabe, XXIVa Edizione, organizzato dal Museo Nazionale della Letteratura Romena, [asi/2o16 ecc.

Al silenzioso Fiume Lethe

Oh, voi, pensieri ­

incessanti pellegrinaggi a
sconvolgere le profondità ­
date vita a Luci e Ombre.

Pensieri a migliaia, tenebrosi,
prigioni dello Spirito,
pensieri-Pietre, pensieri-Ferita,
di illusioni portatori
confini voi non conoscete
e la vostra ombra crescendo
nell ‘Infemo cerchi innalza,
nuovi gradini, a scacciare
ogni Sogno, ogni Speranza.

Pensieri-Tempio, pensieri-Sole
sembrano velieri lontani.
Un tempo sono vissuti nella mente,
ora … sono infime vele
perse su un altro orizzonte.
Pensieri-Lotus, pensieri-Stelle
alla Magia del mondo mi hanno legato,
ma inascoltati, polvere di polvere
divennero, e al loro posto ecco,
sono comparsi, in piena forza,
cerchi freddi e spezzati
approfondendo l ‘lnfemo in fretta.

Oh, tu, Fiume immortale …
una Guida inviami
verso di te che mi porti,
perché a te io lasci il fardello
di pensieri troppo antichi
che mi oscurano il cammino.
Poiché un pensiero che non sia Luce, c
che non sia Volo, e neppure Canto,
dove lo troverà la Sorte,
se non nel tuo grembo?

 

Nostalgie

Angelo arcaico, Angelo silenzioso, dalle
Tue ali spezzate nella luce,
i terrestri scolpiscono
incessantemente
porte immaginarie,
ponti verso il sogno originario,
dal quale uscirono una volta
portando le impronte della perfezione

Angelo silenzioso, Angelo arcaico,
dalla Tua aura cosparsa in ogni cuore,
i terrestri tessono
senza tregua
magnifici indumenti,
armature profondamente impregnate
con la memoria persistente
della matrice primaria,
senza mai pensare
che Tu stesso sei a ogni piè sospinto
travolto dalla nostalgia delle origini…

 

Sull’equilibrio

Pensieri asimmetrici
pendolano incessantemente
tra immobilità ed eccesso,
tra sacro e alienazioni di sè stesso,
tessendo un equilibrio amorfo,
dalla consistenza delle ali di farfalla.

Nell’ossessiva ricerca
dell’equilibrio assoluto,
pensieri perpetui eclissano l’anima,
asfissiandola chiassosamente
con assurde ansie.

 

 

 

Sul Destino

 

Mi porti
da un grembo all’ altro,
dal vecchio sogno,
in un nuovo canto.
Dalle terre dell’Ade
verso un’arca di silenzio
e ancora oltre …

Dentro un suono di ventre,
quali astri darà alla luce
e dei a tessere
insieme a noi
le storie del mondo,
le storie sacre,
per molto taciute,
quasi dimenticate
oppure …
solo pronunciate
in un sussurro che quieto passa
da un sogno all’altro

Sintonia mancata

La caduta da un tempo diffuso
verso i margini dell’essere
ha fatto sì che vecchie parti di anima,
una volta sfigurate
da un sogno preso in prestito,
addirittura tagliente,
diventino fluide.

Strappata brutalmente dalla voce
che ora suona completamente
sconosciuta,
ho rifiutato il ritorno
nel carcere con il volto di giardino.

Ma anche fuori di essa,
il tempo sembra seminare
altri sogni opachi.